C’è una nuova medusa in AMP. La segnalazione in prossimità di Torre del Cerrano.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Una medusa rara è stata trovata mercoledì 5 luglio nelle acque dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano. Si tratta di Porpita porpita, per l'esattezza un idrozoo coloniale, la cui struttura è data da un corpo centrale di forma rotonda, dal quale si irraggiano dei tentacoli simmetrici.

 L'organismo è noto anche con il nome di bottone blu, per via delle piccole dimensioni e della particolare colorazione. Il suo diametro totale, infatti, tende a non superare i 2,5 cm.  Il corpo centrale racchiude un gas che ha la funzione di tenere a galla l’invertebrato. I tentacoli, che hanno una colorazione che varia dal giallo al turchese, sono urticanti al contatto, ma la puntura di Porpita porpita come quella di altre meduse diffuse nell'Adriatico provoca fastidio a contatto con la pelle umana, ma non è dannosa per la salute. Il bottone blu fluttua nelle acque marine, spinto sia dalle correnti che dal vento. Essendo una specie che tende a formare colonie galleggianti, spesso viene avvistata in grandi gruppi. Ad esempio non è infrequente rinvenire intere famiglie di questi sulla spiaggia, a seguito di violente mareggiate.

Questa hydrozoa trova nel Mediterraneo il suo habitat ideale: si adatta infatti a una temperatura dell’acqua che varia dai 1,4° ai 28,7° Celsius. Tuttavia, il bottone blu abita anche gli oceani: la sua presenza è stata segnalata nel Golfo del Messico, nelle acque neozelandesi, e nell’Atlantico nord-occidentale. Per quanto riguarda l'avvistamento nell'Adriatico, il professor Ferdinando Boero, dell'Università del Salento (uno dei maggiori esperti italiani in materia, promotore del progetto "Occhio alla medusa") spiega che non è una novità e definisce la scoperta "comunque inusuale, oltre che bellissima".

La Porpita porpita rinvenuta nelle acque dell' AMP Torre del Cerrano ha una colorazione bluastra. Attualmente, non vi sono notizie relative la presenza di ulteriori colonie appartenenti a questa specie.

La segnalazione è avvenuta in prossimità del Lido Itaca, a poche decine di metri dalla Torre di Cerrano, proprio nel cuore dell’Area Marina Protetta, la cui ricchezza biologica di arricchisce, dunque, di un nuovo affascinante elemento.

 

Per approfondire:

Porpita porpita Blue Botton in eol.org;
Meduse nel Mediterraneo decuplicate in sei anni. I dati del progetto "Occhio alla medusa".

 

Contatti

Indirizzo

Strada Statale km 431 - 64025 Pineto (TE)

Chiamaci
+39 0859492322
Email

[email protected]

Latest Tweets

Twitter response: "Could not authenticate you."

Contattaci